Come Guadagnare

Vendi le cose che non usi e svuota la tua casa (Guadagnandoci)

vendi cio che non usi

E’ scientificamente provato che svuotare la casa di oggetti inutili e superflui fa stare meglio: lo spazio entro cui muoversi diventa maggiore, riesci finalmente ad ordinare il tuo armadio o il tuo cassetto, ci si sente più liberi e si respira più facilmente, senza contare che si fa posto a ciò che realmente ci serve o potrebbe servire.

Ma se da questa operazione di pulizia riuscissimo a ricavare anche un piccolo utile?
Non si diventa ricchi certo, però qualche soldo in più fa sempre comodo e, aspetto di non poco conto, si evita di buttare e sprecare, dando vita ad una conveniente ed ecologica operazione di riuso.

Mi piacciono sempre tantissimo le operazioni che permettono di avere un duplice vantaggio (in questo caso economico e mentale). Le possibilità su questo fronte sono numerose ed efficaci: scegli la più giusta per te fra quelle che di seguito ti presentiamo.

FAI LA LISTA
checklist

Innanzitutto prendi carta e penna e passa in rassegna tutta la tua casa prendendo nota di ciò che puoi vendere,regalare o buttare.

Prendi 3 scatoloni grandi, il primo per le cose da vendere,poi quello da regalare ed infine quelle da buttare.
Passa in rassegna ogni armadio/mensola/mobile,incominciando dalla camera in cui passi la maggior parte del tempo. Puoi eventualmente anche usare un quarto scatolone dei “FORSE“, ovvero oggetti che non usi da tempo ma che al momento non vuoi lasciar andare e che riporrai in un deposito a fine lavoro.
Sii però selettivo.

Non ti affezionare troppo a quel vecchio giaccone che non metti da anni, se non lo metti ci sarà un motivo no? lasciarlo lì creerà solo ingombro ulteriore.

BENEFICI: Alla fine del lavoro, avrai non solo liberato spazio fisico dai tuoi armadi ma anche spazio “mentale”; noterai infatti che si lavora e si vive molto meglio in uno spazio più ordinato e minimalista e ti libererai di zavorre anche affettive che ti portavi dietro da anni, sentendoti più leggero in tutti i sensi.

Aggiunto a ciò,potrai rivendere e/o regalare gli oggetti che non usi, ottenendo un ulteriore guadagno.
Vediamo invece dove vendere o barattare gli oggetti in surplus.

MERCATO DELLE PULCImercatino usato

Il classico mercato delle pulci nella tua zona è un’opzione sempre valida.
Il funzionamento è semplice e noto: devi portare i tuoi oggetti (capi d’abbigliamento, soprammobili, suppellettili, pezzi antichi ecc.) in conto vendita presso un mercato delle pulci che sia il più possibile vicino a casa tua (risparmierai ulteriormente!) e ti spetterà una percentuale (variabile) sul venduto.

                                                                      Non sai a chi rivolgerti?
Cerca tramite google, nei siti Mercatopoli, Mercatini d’Italia e Mercatino usato, trovi punti vendita ed indirizzi completi città per città.
Ricorda: gli attuali mercatini delle pulci non accettano di tutto e, in genere, prima di prendere gli articoli ne fanno un’accurata selezione.

Evita pertanto di portare con te cose rotte o troppo usurate, in particolare per quanto riguarda i vestiti, che devono essere in ottime condizioni, lavati, stirati ed accuratamente ripiegati.
Di solito inoltre, si possono portare in conto vendita soltanto i capi d’abbigliamento della stagione corrente e non troppo datati (chi mai comprerebbe un cappotto o un copricostume che andavano di moda 20 anni fa?).

Leggi anche:
I 30 modi migliori per guadagnare online

MERCATINO RIONALE

Ormai è un’usanza sempre più diffusa sia nei centri più grandi che nei paesi piccoli: i mercatini del riuso e del riciclo, nei quali, dopo aver prenotato un apposito spazio, è possibile mettere in vendita la propria merce.
Ogni posto prevede specifiche regole per quanto riguarda calendario, orari e forniture, quindi informati presso il tuo comune.

INTERNETvendita online

Internet è un mezzo potente che consente di fare cose impensabili solo fino a qualche anno fa, comprese la vendita e l’acquisto, restando comodamente seduti a casa propria, di ciò che si desidera.
Se vuoi liberarti di oggetti che a te non servono più ma che potrebbero far comodo ad altri, perché non provi a venderli sul web? E’ facile, comodo, sicuro e, in larga parte, del tutto gratuito.

Dove?

Il sito di compravendita più conosciuto ed utilizzato è sicuramente eBay (che trattiene una commissione del 9% ma consente inserzioni gratis da effettuare in varie modalità), tuttavia funzionano molto bene anche Subito.it, Secondamano.it e Kijiji.it.

Per moltiplicare le tue possibilità di vendita pubblica un annuncio su tutti i portali disponibili, tenendo presente che quelli corredati di foto ottengono molto più successo rispetto a quelli privi di immagini di riferimento.

In rete si trovano anche siti specializzati nella compravendita di articoli particolari e specifici come, ad esempio, gli abiti da sposa: costano tanto e si indossano una sola volta, poi si ripongono nell’armadio, un vero spreco!
Avevi mai pensato che il vestito delle tue nozze potrebbe tornare a nuova vita?

Gli abiti da sposa usati, ovviamente in ottimo stato, stanno riscontrando un successo crescente in quanto costano meno senza perdere nulla del loro fascino; se sei decisa a mettere in vendita il tuo, prova con un annuncio su weddalia.com.

BARATTObaratto

Il baratto roba d’altri tempi? Tutt’altro!
Da qualche anno a questa parte, complici anche, sicuramente, la crisi economica e la necessità, lo scambio di merci fra utenti è tornato decisamente in auge, tanto che nel web sono sorti siti a tema (ed anche pagine Facebook). Ciascuno di essi dispone di proprie regole, ma in genere si assegna un punteggio agli oggetti che abbiamo intenzione di barattare e possiamo poi scambiarli con altri di pari punteggio.

Il baratto è un sistema comodo sotto tanti profili, in quanto consente di risparmiare, evita inutili sprechi e permette di entrare in possesso di ciò che ci è utile semplicemente disfacendoci di quanto non ci serve più: una comodità da sfruttare.

I migliori siti web della categoria sono:
Cose Inutili
Zerorelativo.it
Baratto.it

DONAZIONEdonare

A volte si può anche rinunciare ad un guadagno e rendere felici coloro che hanno bisogno: molte cose che hai in casa e che per te sono superflue ed ingombranti, possono essere importanti per altri.
Pensiamo al guardaroba: di la verità, quanti maglioni, gonne, pantaloni, cappotti e camicie hai nell’armadio buttati lì da anni? Da quanto tempo non li indossi?

Fai così: elimina completamente i capi d’abbigliamento usurati, rotti e sciupati, ma metti da parte quelli ancora in buone condizioni che però, per qualche ragione, non ti soddisfano più e regalali alle persone bisognose.
Puoi inserirli in uno degli appositi contenitori presenti ormai in qualsiasi paese e città oppure puoi rivolgerti direttamente al parroco della tua chiesa.

Online può farlo tramite i vari gruppi Facebook preposti a tale scopo, il più famoso è sicuramente:

Te lo regalo se vieni a prenderlo

 

Lascia un commento

12 + 6 =

Questo sito fa uso di cookies per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cliccando su “accetta cookie” si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito o disabilitarli. Abilitando i cookie ci aiuti ad offrirti una migliore esperienza di navigazione. Cookie policy